Skip to main content

CELLULAR MANUFACTURING

L’idea base del concetto di Group Technology (GT) è quello di suddividere un insieme tecnologico (ad esempio un insieme di parti) in sottoinsiemi tra di loro simili chiamati famiglie.

Lo scopo di questa suddivisione è quello di ottenere dei vantaggi economici (sia in termini di costo che di tempi) ed organizzativi.

Il concetto di Group Technology può essere utilizzato sia a livello tecnologico per suddividere un insieme di parti in famiglie simili tra loro, sia a livello impiantistico al fine di individuare un set di risorse in grado di effettuare lavorazioni su famiglie omogenee di pezzi: la sua applicazione prende il nome di Cellular Manufacturing.

A livello impiantistico, quindi, la GT è rivolta ad organizzare il sistema di produzione in un Cellular Manufacturing Systems (CMS) in base ai seguenti step:

  • Classificazione e codifica della parti; l’obiettivo di questo primo passo della metodologia è il raggruppamento delle parti in famiglie omogenee; ad ogni famiglia omogenea è assegnato un codice identificativo;
  • Progettazione del sistema cellulare; il processo consiste nella individuazione di famiglie di risorse produttive che possono essere specializzate per la produzione di determinate famiglie di pezzi e che quindi possono costituire una cella.

La produzione per celle rappresenta uno degli aspetti più importanti della Lean Manufacturing: attraverso questo tipo di produzione si ottengono importanti vantaggi:

  • Aumento della produttività;
  • Aumento della velocità di attraversamento, riduzione dei Lead Time;
  • Aumento della qualità dei prodotti;
  • Semplificazione della programmazione, del controllo di produzione e riduzione scorte;
  • Miglior uso della contabilità per attività (ABC);
  • Aumento di coordinamento e comunicazione.

La cella ideale permette di produrre il più alto numero di prodotti simili, contenendo tutte le attrezzature, impianti e risorse umane necessarie allo scopo.

Il layout per celle è di solito organizzato attorno ad un prodotto o alla più ampia gamma possibile di prodotti simili; i passi fondamentali per l’introduzione di un layout a celle sono:

  • Identificazione dei prodotti e dei processi all’interno della cella: attraverso la cosiddetta Group Technology le celle sono costituite o attraverso uno studio del flusso (Production Flow Analysis) e/o una classificazione e codifica dei prodotti stessi.
  • Progettazione del processo all’interno della cella: richiede un’ottima conoscenza del processo in termini di tempo uomo, impianti, attrezzature, setup, movimentazione, manutenzione.

In questa fase si determina:

  • Numero di addetti nella cella;
  • Numero di postazioni lavoro, impianti ed attrezzature;
  • Dimensioni dei lotti;
  • Takt Time;
  • Scheduling;
  • Supervisione e comunicazione.
  • Progettazione del layout fisico della cella: l’ultima fase riguarda la messa a punto del layout interno alla cella, con disposizione delle stazioni di lavoro in base allo spazio, ergonomicità e funzionalità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *